Questo sito utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies. Clicca qui per maggiori informazioni. Chiudi
30/Mag/2013

Istruzioni applicative SEPA

Provvedimento Banca d'Italia

1.- Implementazione SEPA

SEPA è l'acronimo che identifica la Single Euro Payments Area (l'Area unica dei pagamenti in euro), ovvero un'area nella quale gli utilizzatori degli strumenti di pagamento possono effettuare e ricevere pagamenti in euro, non in contanti, alle stesse condizioni e con gli stessi diritti e obblighi sia all'interno dei confini nazionali che fra paesi diversi.

Il 31 marzo 2012 è entrato in vigore il Regolamento UE n. 260/2012 che stabilisce i requisiti tecnici e commerciali per l'esecuzione dei bonifici e degli addebiti diretti conformi alla SEPA e fissa termini improrogabili per l'adozione di standard paneuropei nei pagamenti nazionali e transfrontalieri.

Il Provvedimento di Banca d'Italia del 12 febbraio 2013 contiene alcune istruzioni applicative in proposito.

In estrema sintesi, tutte le banche dell'Unione Europea, per conformarsi a tali disposizioni, nell'ambito della prestazione dei servizi di pagamento offerti e già oggetto della Direttiva europea 2007/64/CE (cd "PSD" acronimo di "Payment Services Directive", recepita in Italia attraverso il d. lgs. n. 11/2010), dal 1° febbraio 2014, non potranno più offrire i servizi di bonifico e di addebito diretto secondo le attuali procedure, che dovranno essere sostituiti dagli analoghi servizi SEPA.

Il passaggio al nuovo sistema, tuttavia non comporterà impatti significativi per i titolari di un Conto Deposito rispetto all'operatività attuale.

Ciò premesso, invitando la clientela ad approfondire eventuali dubbi mediante la lettura dei documenti normativi citati e pubblicati sul sito della Banca, desideriamo dare alcune informazioni più dettagliate sui singoli servizi di pagamento interessati dal Regolamento.

2.- Novità sui bonifici

Come anticipato, entro il  1° febbraio 2014, il bonifico SEPA (denominato "Sepa Credit Transfer"), sostituirà il corrispondente strumento di pagamento nazionale.

Nel precisare che non sono previste modifiche agli esistenti contratti di Conto Deposito, si informano comunque i Clienti che Santander Consumer Bank sta realizzando le opportune implementazioni per rendere disponibile il Sepa Credit Transfer, che sostituirà, dal  1° febbraio 2014 il bonifico domestico.

3.- Novità sugli addebiti diretti

Il Conto Deposito non prevede l'attivazione di addebiti diretti, tuttavia le specifichiamo di seguito le principali novità SEPA anche su questo punto.

Anche gli addebiti diretti eseguiti tramite la procedura interbancaria R.I.D. non potranno più essere operativi a partire dal 1 febbraio 2014.  A partire da tale data, quindi, gli addebiti diretti saranno effettuati tramite il SEPA Direct Debit SEPA, nella forma di Direct Debit Core (SDD Core).

Per i RID finanziari (operazioni di addebito diretto collegate alla gestione di strumenti finanziari o all'esecuzione di operazioni aventi finalità di investimento) e per i RID ad importo fisso (operazioni di addebito diretto a importo prefissato all'atto del rilascio dell'autorizzazione all'addebito in conto), il termine ultimo per la migrazione è invece il 1 febbraio 2016.

Nel ribadire che anche le novità sugli addebiti diretti non richiedono modifiche dei contratti di Conto Deposito, desideriamo fornire alcune informazioni ai Creditori/Beneficiari di un addebito diretto R.I.D. (che rientri nell'ambito di applicazione del Regolamento UE 260/2012, ma sia diverso dai R.I.D. finanziari e ad importo fisso).

Il Creditore/Beneficiario di un addebito diretto R.I.D. potrà infatti decidere di adottare lo schema SEPA anche prima della data del 1 febbraio 2014.

In tal caso dovrà informare il proprio Debitore/Pagatore con un preavviso di almeno 30 giorni rispetto alla data stabilita per l'addebito e comunque entro il 31 dicembre 2013; data ultima per effettuare la comunicazione della scelta di utilizzare un SDD Core al proprio Debitore/Pagatore.

Infine, si segnala che i mandati di addebito diretto R.I.D. in essere al 1 febbraio 2014 potranno mantenere validità anche dopo tale data purché venga effettuata un'apposita comunicazione al Debitore/Pagatore almeno 30 giorni prima dell'attivazione del servizio del passaggio al SDD Core e comunque entro il 31 dicembre 2013.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare la Banca al seguente indirizzo di posta elettronica: conti@santanderconsumer.it.



Santander Newsadmin News Dettaglio